federico novaro libri

Mario Soldati / La confessione. Mondadori 2009. (segnalazione)

Posted in letteratura italiana, segnalazioni, straight by federico novaro on 5 ottobre 2009

E’ in libreria

Mario Soldati / La confessione
Introduzione e nota al testo di Stefano Ghidinelli
In capo al testo: Cronologia; Bibliografia critica essenziale, a cura di Bruno Falcetto
113 p. ; 8.50 €
Mondadori – Oscar Scrittori Moderni / Narrativa 1991, Milano 2009

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 7

Dopo un qualche peregrinare (Garzanti 1955, poi Mondadori 1959 e 1980, poi Adelphi 1991) ora Mondadori ripubblica La confessione negli Oscar, con un buon apparato, e col basso prezzo degli Oscar.

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 4

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 1

Da punto di vista della comunicazione editoriale questa è un’edizione molto divertente (se non ci fosse da piangere), ecco la quarta:

“Il breve romanzo La confessione è stato concepito da Soldati nel 1935, con uno sforzo progettuale che solo le carte preparatorie da poco venute alla luce rivelano nella sua complessità e tensione. Ripreso e pubblicato vent’anni più tardi, narra la vicenda del quattordicenne Clemente, adolescente ipersensibile, studente a Torino presso un collegio di gesuiti. Clemente pensa che anche lui un giorno sarà gesuita, ma le vacanze estive a Chiavari con madre e nonna incrinano questa certezza. Sollecitato dai suoi educatori alla santità, alla rinuncia al peccato – soprattutto a quel peccato per eccellenza che è il corpo della donna -, Clemente rifiuta l’istintiva attrazione per un’avvenente amica della madre, o per una procace sconosciuta incontrata in ascensore, per trovare infine in modo libero e inatteso una via al piacere.
Romanzo tra i più sottili e riusciti di Soldati, senza compiacimenti, nitido, spitato spietato e partecipe, La confessione rivela le migliori doti narrative dell’autore torinese, quella felicità di scrittura, quel brio, quell’acutezza pungente nel cogliere e descrivere l’ambiguità dei sentimenti in un’età particolarmente “fluida” che pochi altri hanno saputo raccontare.”

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 2

Quale sarà quella misteriosa “via al piacere” che Clemente trova “in modo libero e inatteso”?
La copertina fuga ogni dubbio, che l’omofobia (o come chiamarla? Scemenza?) di chi ha confezionato il libro ha impedito di esplicitare: una foto di Herbert List che ritrae due ragazzi a torso nudo. List in Italia è una spia infallibile: se c’è una sua foto in copertina è come se l’editore vi stesse dicendo: “Qui roba omosessuale! Attenzione! Non lo diciamo ma voi lo capite!”

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 3

Dice Edmund White: “What is a Gay Novel? One that is marketed as gay. Usually a picture of a cute boy on the cover”. In Italia basta la foto.

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 9

Adelphi, in tempi evidentemente meno ottusi, era stata più esplicita. Ecco la quarta dell’edizione nella PBA: (dalla quale scaturisce un sospetto malandrino: ma, da Mondadori l’hanno copiata? Beh, forse no, ma certo l’hanno letta e gli è piaciuta (quel “brio” che torna) -e giustamente l’hanno restituita, con una piccola abrasione significativa, emendata con la foto allusiva: cripto comunicazione da anni ’50. (Non ho purtroppo l’edizione Garzanti, sarebbe divertente sapere cosa scrissero allora, se qaulche qualche lettore/lettrice l’avesse me la dice? grazie).

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 5

Dicevo: ecco la quarta di Adelphi (che aveva una introduzione di Cesare Garboli):
“Clemente è un adolescente sensibile, un po’ torbido, un po’ troppo ‘conscio di se stesso’ rispetto ai suoi compagni. Lo educano i gesuiti – e Clemente stesso vuole pensare che un giorno diventerà un Gesuita, ma i suoi pensieri non hanno nulla di religioso. E’ attratto dal peccato per eccellenza, la Donna, nella persona di un’0avvenente un’avvenente amica di sua madre o di un’ignota signora, dalla sublime volgarità e dalle unghie laccate e acuminate, che un giorno incontra in ascensore. Non avrà però il coraggio del suo peccato. Mentre troverà una soluzione ai suoi turbamenti erotici che paradossalmente viene incoraggiata dai suoi tutori morali e infine da lui stesso: l’omosessualità.
Come ha scritto Cesare Garboli, questo è un ‘racconto libertino, leggero, dolce, europeo, volterriano, pochissimo indulgente, senza nessun compiacimento e nessun senso di colpa’. Quando apparve, nel 1955, pochi lo capirono. Oggi lo leggiamo ritrovandoci Soldati in stato di felicità narrativa, con quel brio, quell’acutezza pungente e quel senso dell’ambiguità dei sentimenti che gli appartengono come a pochi altri.”

Mario Soldati, La confessione, Mondadori (Oscar Narrativa 1991) 2009; Art Director: Giacomo Callo, Graphic Designer: Susanna Tosatti; alla copertina: © Herbert List / Magnum / Contrasto (part.), 6

Su federiconovaro.eu trovate i link a tutti gli articoli comparsi sul blog, ordinati per categorie e ordine alfabetico.

Annunci

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] a Gay Novel? One that is marketed as gay. Usually a picture of a cute boy on the cover”. (da un post su federico novaro […]

  2. Denise said, on 10 ottobre 2009 at 1:47 pm

    Hai ragione, ma se solo sapessi in che condizioni si scrivono le quarte…

  3. federico novaro said, on 10 ottobre 2009 at 2:41 pm

    posso vagamente immaginare, e temo che sarebbe comunque peggio di quel che penso, in effetti 🙂
    però credo che se un po’ il mio lavoro può essere utile è proprio cercando di far passare l’idea che non è lo stesso, e che far lavorare le persone in condizioni tali da produrre pasticci e trascuratezze, senza un ordine di verifica, senza il tempo per poter dare a chi compra un prodotto non taroccato non è che fa lo stesso, ma cambia il prodotto stesso. Questo almeno provo nel mio piccolo.
    Grazie di passare di qua!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: