federico novaro libri

Jonathan Trigell : Boy A / ISBN 2009. Recensione

Posted in Federico Novaro, recensioni, straight by federico novaro on 10 gennaio 2010

(Ogni tanto L’Indice mi chiede delle recensioni di libri straight, questo è uno)

Jonathan Trigell
Boy A

Traduzione di Tomaso Biancardi
255 p. ; 16 €
ISBN, Milano 2009

Jonathan Trigell, Boy A, ISBN 2009, grafica: Alice Beniero, frontespizio (part.)

Boy A, di Jonathan Trigell

Chissà se Jonathan Trigell (inglese, nato nel 1974, vive ora a Chamonix dove è istruttore di sci e dove ha ambientato Cham, uscito in Inghilterra nel 2007) sa che il titolo del suo libro, non tradotto nella versione italiana, suona, a chi pronunci male l’inglese, come “boia”, creando delle non peregrine assonanze con l’eroe del testo.
Pubblicato nel 2004 arriva ora in Italia sulla scorta del film omonimo che ne è stato tratto, per la regia di John Crowley, con Peter Mullan e Andrew Garfield, come recita la bandella pubblicitaria.

Vincitore di più premi (John Llewellyn Rhys Prize, nel 2004; Waverton Good Read Award, nel 2005) Boy A nasce come tesi di dottorato in scrittura creativa alla Manchester University e forse sconta un poco la sua prima destinazione, in qualche tratto un po’ dimostrativo, nella trasparente preoccupazione di non tralasciare alcun aspetto, di fare un buon compito.
Ma questo forse rende il testo più limpido, gli dona un rispetto dell’attenzione di chi legge molto piacevole.

Jonathan Trigell, Boy A, ISBN 2009, bandella pubblicitaria (part.), 4

In un Inghilterra dagli echi Teacheriani molto forti, in un tessuto sociale slabbrato, aspro, una bambina viene uccisa, da due coetanei. Dopo un lungo periodo di detenzione, ormai adolescente, uno dei due bambini esce dal carcere, ignaro del mondo, inserito in un programma di protezione che lo celi agli occhi divoratori della violenza collettiva e dei tabloid, suoi fomentatori, sceglie un nuovo nome, e comincia una vita da inventarsi giorno per giorno.

Jonathan Trigell, Boy A, ISBN 2009, bandella pubblicitaria (part.), 1

Il testo si può ascrivere legittimamente al genere noir, ma qui la suspance è come ribaltata nei suoi termini, non cerchiamo l’assassino, non ci chiediamo se sarà punito o meno, poiché lo conosciamo nelle prime pagine, all’uscita della prigione.
Qui l’interrogativo è se l’assassino, punito, può essere altro che un assassino, se vi può essere redenzione, e se il cerchio magico che la Polizia gli stringe intorno resisterà alla voglia collettiva di vendetta o meno.
A rafforzare la simpatia di chi legge con l’eroe, Trigell insinua lungo tutto il testo l’ipotesi che questi sia vittima di un errore giudiziario, di una confessione estorta.

Jonathan Trigell, Boy A, ISBN 2009, bandella pubblicitaria (part.), 2

Serra il testo il tema, molto americano, della seconda chance. E’ un diritto? E’ un dovere concederla? Ne siamo capaci? Scritto in terza persona il testo si avvicina e si allontana dai personaggi senza coincidervi, ma come entrandovi in risonanza, lungo una linea temporale fratta e scomposta in segmenti.

Jonathan Trigell, Boy A, ISBN 2009, grafica: Alice Beniero, copertina (part.), 1

Il sito di Isbn, qui.

Dal canale YouTube di Isbn, un’intervista a Trigell, da Chamonix:

Jonathan Trigell, Boy A, ISBN 2009, grafica: Alice Beniero, p. 1 (part.)

Il trailer del film:

Riassunto bibliografico:
straight / letteratura inglese / prime edizioni italiane
1. ed. – Milano : Isbn. – 255 p. ; 21 x 14 cm.
Biancardi, Tomaso (traduzione dall’inglese di) ; Beniero, Alice (grafica di)
Brossura
©2009 Isbn Edizioni s.r.l., Milano
©2004 Jonathan Triggel
Titolo originale: Boy A

Articolo apparso su L’Indice dei Libri, n. 10 – XXVI, Ottobre 2009.

*lindice

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: