federico novaro libri

Leanne Shapton : Important artifacts and… / Sarah Crichton Books 2009. (Il più bel libro del 2009)

Posted in Federico Novaro, letteratura americana, recensioni, straight by federico novaro on 8 marzo 2010

Leanne Shapton
Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and Jewelry

129 p. ill. b/n ; 18 $
Sarah Crichton Books – Farrar, Straus and Giroux, New York 2009

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, copertina (part.)

Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and Jewelry è il catalogo dell’asta tenutasi il 14 febbraio 2009 a New York, presso la Strachan & Quinn Auctioneers: più di milletrecento lotti messi all’incanto, base d’asta a partire da 5$ per moltissimi lotti; fra gli altri troviamo: cartoline illustrate, libri, capi di vestiario, piccoli oggetti, molte fotografie, alcuni peluches, carte autografe. Veniva dispersa la collezione privata di Lenore Doolan e Harold Morris; al di là dell’aspetto venale dei singoli lotti, l’interesse era soprattutto testimoniale. Disposti in ordine cronologico d’acquisizione (da 1001, “A Photograph of Lenore Doolan, age 26”, datato 2002, al 1332, “A group of dried and pressed four-leaf clovers”, senza data [probab. varia fra il 2002 e il 2006]), gli oggetti erano generalmente in ottimo stato di conservazione. Nitide fotografie in bianco e nero illustrano la quasi totalità dei lotti; alcune fotografie scattate appositamente sono d’aiuto al compratore per ricostruire qualora l’uso, qualora l’occasione d’acquisto, di singoli lotti.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 6-7 (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 12-13 (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 20-21 (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 38-39 (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 78-79 (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 62-63 (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 50-51 (part.)

Gianluigi Ricuperati, sul Domenicale del Sole24ore, via Minima & Moralia, qui, del 10 gennaio 2009.


Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, frontespizio (part.)

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, copertina (part.)

Dov’è il testo qui?

In Important artifax and… libro e testo sembrano coincidere, eppure no.

La forma, fisica, tipografica, è il linguaggio attraverso cui la storia apparentemente si narra. E’ un oggetto di design perfetto, dove forma e funzione, decorazione e sostanza (se mi si passano i termini un po’ novecenteschi) sono in equilibrio, e tutti tesi all’intento narrativo.

Important artifax and… non è una storia narrata in forma di catalogo di casa d’aste, ma è una storia che assume quella forma avendone riconosciuta la funzione narrativa.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 119 (part.)

Leanne Shapton è una graphic designer, mestiere che le ha permesso di costruire l’intero testo pensandolo in ogni sua parte.
Giustamente la scheda bibliografica riportata al verso del frontespizio cataloga Important artifax and… sotto l’etichetta di graphic novel.
Come nei fumetti, la riduzione dell’opera al suo testo verbale è impossibile per l’evidente parzialità dell’operazione. Anche qui la narrazione sta nella dinamica fra testo e immagine, ma avviene altrove. E’ costruita da chi legge, il testo essendo interamente indiziario.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 67 (part.)

Scritto nel linguaggio estremamente formalizzato dei cataloghi d’asta, dove l’esigenza di oggettività si coniuga con l’intenzione promozionale, la parte verbale di Important artifax and…, didascalie alle immagini, è un elenco di descrizioni, di prove, innervato –e qui sta una delle intuizioni geniali di Leanne Shapton- di quel vago senso di ipocrisia che è connaturato al genere, e che raggiunge il massimo dello chic, e quindi del successo comunicativo, nell’equilibrio fra understatement e tensione commerciale, e che si realizza soprattutto nell’adozione di un rigore anti-pathos con effetti talora ironici.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 126 (part.)

Il testo verbale però, se slegato non solo dalle illustrazioni, ma soprattutto dall’organizzazione grafica del libro, che imita un vero catalogo d’asta (a cominciare dal titolo, seguito dalla data dell’asta, e dalla copertina, che non riporta il nome dell’editore, bensì di un falso nome di casa d’aste –Strachan & Quinn-, sottolineato dall’indicazione di tre città, e dalle carte di guardia, percorse interamente dal logo S Q), perderebbe ogni efficacia comunicativa.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 127 (part.)

Qui la narrazione avviene esclusivamente nell’unione fra testo verbale, testo visivo, e forma tipografica, che attribuisce agli altri due elementi un genere, rendendo possibile l’invenzione, da parte di chi legge, della storia.
Il gioco, condiviso fra venditore e acquirente, che nei cataloghi d’aste si svolge sul terreno del denaro, qui si svolge sul terreno del sentimento amoroso. Il sospetto, che sempre soccorre l’acquirente nella dinamica fra fascinazione e prudenza, qui opera, traslato, in chi legge. Gli oggetti descritti, che hanno trovato necessità di una descrizione perché condotti ad una vendita, traggono valore dall’essere testimonianza di una storia amorosa, ma è il fallimento della storia che li ha resi alienabili, e dunque, forse, privi di valore.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, p. 36 (part.)

Così questo libro magnifico racconta soprattutto la fragilità degli oggetti, il fluttuamento di senso che li investe entrando e uscendo dalla vita delle persone.


Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, copertina (part.)

Il testo è il libro?

Important artifacts and… compare in un momento in cui la smaterializzazione del libro, la sua riduzione a testo, sembra iniziare un cammino irreversibile, e, fra i tanti aspetti comunicativi del libro di Shapton, si può anche registrare l’attivazione di un’aura nostalgica, che evoca pagine fruscianti scorse durante le aste, la dimensione del desiderio che spesso viaggiava per posta: la stessa carta scelta, leggermente avorio, rimanda al precoce invecchiamento di volumi fatti per durare un tempo molto breve (attivazione forse più intenzionale di quanto possa apparire in prima battuta se verificato sulla scelta degli oggetti, della grafica delle copertine fotografate, dei vestiti, dei piccoli soprammobili, sottile testimonianza dell’amore dell’autrice per una certa eleganza, pulizia di linee, che ha le sue radici negli anni ’50 del secolo scorso).

Il libro così si potrebbe interpretare come un gesto d’amore verso il supporto cartaceo, capace ancora di affermare la propria necessità e forza. E forse è anche questo, ma se si prova a immaginare un’ipotetica traduzione di Important artifacts and… su internet, nella forma ormai consueta delle vendite d’asta (con la mimesi di un vero sito d’aste, i caratteri conseguenti, l’organizzazione delle immagini e delle didascalie), operando una traduzione da materiale in immateriale, si può pensare che la forza comunicativa del testo non ne verrebbe scalfita: in realtà il generatore di senso del lavoro di Shapton è la retorica della vendita, che qui ha preso la forma di un catalogo cartaceo, ma che può essere veicolo narrativo efficace trasportata da un supporto all’altro. Merito di Shapton sta nell’avercelo dimostrato.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, occhiello (part.)

Il sito di Leanne Shapton, qui.

Leanne Shapton, Important artifacts and personal property from the collection of Lenore Doolan and Harold Morris, including books, street fashion, and jewelry, Sarah Crichton Books NY, 2009; ©Leanne Shapton, q. di cop. (part.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: