federico novaro libri

Lettere dal mare / Chris Donner. Einaudi Ragazzi 2010. (nota alla nuova edizione)

Posted in letteratura francese, note by federico novaro on 6 aprile 2010

Chris Donner
Lettere dal mare

Traduzione di Giampaolo Mauro
[Illustrazioni e cura grafica di Aurora Biancardi]

91 p. : ill. col. ; 12 €
Einaudi Ragazzi, Trieste 2010

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], forntespizio (part.), 1

Da più di quindici anni Lettere dal mare mancava dalle librerie italiane.
(FNl aveva parlato della prima edizione l’anno scorso, qui)

Les Lettres de mon petit frère uscì in Francia nel 1991, in Italia uscì due anni dopo, per Einaudi Ragazzi, nella collana “Narrativa” (il n. 16), tradotto da Giampaolo Mauro, e illustrato da Yan Nascimbene, che allora firmava tutte le copertine della collezione “Pages Blanches”, di Gallimard, con la quale Einaudi aveva un accordo di collaborazione.

chris donner, Lettere dal mare, einaudi ragazzi, ill. di Yan Nascimbene. 1993 -4

Primo libro di Donner tradotto in Italia, fu ristampato nel 1999 nella medesima collezione, con una copertina, sempre di Nascimbene, che ricalcava la prima (questa volta a tutta pagina).
Seguirono Bel libro papà, nel 1994 (trad. di Paola Novarese, ill. di Yan Nascimbene, Einaudi Ragazzi) e poi nel 2000 Ogni respiro una bugia, (Capitello edizioni, ill. di Susanna Teodoro, trad. non indicata).

Su 23 titoli per l’infanzia (e 27 altri titoli) pubblicati da Chris Donner, questi restano per ora gli unici tradotti in italiano.

chris donner, Lettere dal mare, einaudi ragazzi, ill. di Yan Nascimbene. 1993 -1

La prima edizione era un librino (18 x 11 cm.) in brossura, cui le miti illustrazioni di Nascimbene davano un’aria sottotono, discreta, in accordo con un testo sottile, fatto di riserbo e allusioni, coraggioso per l’epoca e forse un po’ ingessato per l’oggi.

chris donner, Lettere dal mare, einaudi ragazzi, ill. di Yan Nascimbene. 1993 -2

Dieci lettere al fratello

Tutto è scritto in prima persona, attraverso dieci lettere che un ragazzino scrive a suo fratello; la terribile vacanza di una famiglia -padre, madre, il narratore, la sua sorellina, il fratello più piccolo- sulla costa francese; vacanza sotto il segno della tensione, interna ed esterna, che sfocia in una lotta senza quartiere con i bagnanti che invadono il giardino della casa affittata dalla famiglia per l’estate, che passa attraverso una disastrosa uscita in barca del padre con il narratore, e che trova costante conferma nella proibizione di nominare il fratello assente, in vacanza in Italia con un amico, così viene definito. E’ questa relazione, che non viene mai esplicitata, il nodo cupo attorno cui si muovono gli eventi, intuito dal narratore ma confusamente, “[…] vi aveva visti, tu e Florian, quando vi baciavate sulla bocca […]”, (p. 81).

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], p. 7 (part.)

Che questo voglia dire una relazione sentimentale, che questo implichi un rapporto sessuale, nel testo non viene mai detto. Ci sono due amici, “[…] Se non si ha più il diritto di baciare un amico dove si vuole, beh, tanto vale andare subito in gattabuia […]”, (p. 81), c’è il bambino (etero e innamorato della sua prima ragazza) che avverte sordamente che un interdetto investe suo fratello e il suo amico, e c’è, dopo la metaforica lotta con il mondo esterno, lo scioglimento delle tensioni e la riconciliazione con l’assodata natura benigna del fratello e del suo amico.

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], p. 19

L’interesse del libro sta nell’alternarsi leggero delle scene comiche e quasi farsesche con altre più tese, molto sensibili nel raccontare come le tensioni familiari possano crescere sul non detto sino a diventare devastanti, e, ormai, a più di quindici anni di distanza, sta anche nel verificare come il parlare di omosessualità attraverso l’allusione e il non detto sia ormai imbarazzante come una cosa che, per fortuna, sta diventando ridicola.

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], verso dell'occhietto (part.)

Ma l’Italia è anche in questo uno strano paese, così, al posto di pubbicare testi nuovi e rieditare Donner in una collana di ristampe, si pensa che, finalmente, si possa rieditare questo testo, ora al passo coi tempi, organizzando anche all’autore una breve tourné di presentazione, e ottenendo eco sui mezzi d’informazione.

Yan Nascimbene, Aurora Biancardi

L’edizione attuale abbandona i disegni di Yan Nascimbene, e gli costruisce una versione -mantenendo la traduzione originale, dagli echi liguri- tutta illustrata di Aurora Biancardi, che entrano anche nel testo, talvolta efficacemente, talvolta meno (per esempio mettendo in un ballon alla figura della madre una frase detta dal figlio narratore riferita al figlio allontanato, privandola di senso: vedi foto sotto).

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], p. 10

Al di là del gusto, che forse tende ad una attualizzazione, assumendo dei tratti che sembrano generati in Flash, qui si fa solo notare che, a differenza delle illustrazioni di Nascimbene, che in una tavola rappresentava una fotografia della coppia incrimintata, qui, dalle illustrazioni, sparisce ogni accenno.

chris donner, Lettere dal mare, einaudi ragazzi, ill. di Yan Nascimbene. 1993 -5

Appiccicato in copertina un adesivo tondo riporta: “Un’intensa / storia di / affetto e / tolleranza”, perfetta per la pubblicità in Italia, rassicura sulla presenza di buoni sentimenti, e fraintende appieno il senso del libro, che è invece una storia di intolleranza e non amore, di nevrosi e fatiche, e soprattutto, di alterità, che l’happy end non risolve.

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], cop. (part.), 2

Così un libro che all’inizio degli anni ’90 era tenero e coraggioso, ora si traduce nel suo contrario, confezionato ora come se il mondo fosse quello di allora, credendo coraggioso quello che ora è retrivo.

La quarta di copertina è identica a quella del 1993.

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], p. 80

Lettere dal mare / Les lettres de mon petit frére

Una nota sul titolo: coerentemente con l’impostazione rigorosamente autobiografica dell’autore, assunta come poetica per tutto il suo lavoro, il titolo originale è: Les lettres de mon petit frère, Le lettere del mio fratellino -o fratello piccolo, identificando nel fratello maggiore assente, e pietra dello scandalo, immediatamente l’autore del testo.
Quel titolo ribalta l’attenzione, dall’io che scrive le lettere, all’io che le ha ricevute, sposta la prospettiva temporale al dopo, colloca la storia dal presente della narrazione al passato di quando questa è accaduta, e, soprattutto, riorienta sul fratello maggiore, sull’autore, su Chris Donner, la tensione identificativa fra chi legge e chi scrive: non più il ragazzino eterosessuale che soffre per una lontananza che ritiene ingiusta senza mai davvero saperla leggere, bensì il fratello maggiore omosessuale rifiutato dalla sua famiglia.

Forse una nuova edizione poteva essere l’occasione per ripristinare il titolo originale, ma che sia accidia o che sia intenzione, in ogni caso non si è ritenuto di doverlo fare.

chris donner, Lettere dal mare, einaudi ragazzi, ill. di Yan Nascimbene. 1993 -5

Ovviamente nei credits del libro nessun accenno al fatto che esiste una edizione italiana precedente.

L’autrice delle illustrazioni non è citata in nessuna parte del libro (almeno io non l’ho trovato, ma sarò felicissimo d’essere smentito); il dato è indicato sul sito.

Qui, il sito di Aurora Biancardi.

Qui, sull’ottimo ZazieNews, una segnalazione.

Qui, in francese, una bellissima intervista a Yan Nascimbene.

Qui, il sito di Yan Nascimbene. Guardate la sezione di illustrazioni per Il barone Rampante. Ma tutto è molto bello.

Chris Donner, Lettere dal mare, Einaudi Ragazzi 2010; [illustrazioni di Aurora Biancardi], cop. (part.), 1

Riassunto bibliografico
queer / letteratura francese / prime edizioni italiane
Lettere dal mare / Chris Donner
1. ed. – Trieste : Einaudi Ragazzi. – 21,5 x 14,5 cm. ; 91 p. : ill. col.
Mauro, Gianpaolo (trad. di) ; [Biancardi, Aurora (illustrazioni e cura grafica di)]
Rilegato
©2010 Edizioni EL, Trieste
©2010 Edizioni EL, Trieste, per le illustrazioni
©1991 l’école des loisirs, Paris
Tit. orig.: Les lettre de mon petit frére

Annunci

7 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. cartografo_queer said, on 6 aprile 2010 at 11:36 am

    Sottoscrivo anche le virgole.
    PS Sai per caso se negli altri testi tradotti c’e qualche riferimento all’omosessualità?
    Ciao.

  2. federico novaro said, on 12 aprile 2010 at 1:27 pm

    (ciao, perdona il ritardo, ero via)
    grazie 🙂
    direi di no

  3. Yan Nascimbene said, on 25 aprile 2010 at 7:12 pm

    Ciao,

    Ho scoperto per caso questa tua analise di “Lettere dal mare” di Chris Donner, e delle illustrazioni per questo testo. L’ho trovata molto interessante. (Non sapevo nemmeno che ci fosse una nuova edizione con nuove illustrazioni, ed anche un nuovo titolo). Volevo anche ringraziarti di aver’ indicato il mio sito web (www.yannascimbene.com)
    La città di Trouville, in Normandìa, sta presentando una mostra ritrospettiva del mio lavoro nella quale, tra l’altro, sono esposte parecchie illustrzioni originali del Barone Rampante. (Se vai su facebook e fai una ricerca con il mio nome e Hors-Cadre (il nome della mostra) ci sono più ampie informazion, anche riguardo alla mia presenza. D nuovo, grazie!

  4. federico novaro said, on 25 aprile 2010 at 7:37 pm

    che onore la tua presenza qua!
    Mi piacerebbe tanto fare un giro sino a Trouville. Il tuo lavoro è a mio parere fantastico (e i tuoi disegni di Lettere dal mare tanto più belli: per fortuna ne ho un’edizione di allora).
    Un saluto e grazie dell’attenzione. (ho subito fatto un piccolo post su fb!)

  5. Yan Nascimbene said, on 30 aprile 2010 at 9:02 pm

    Grazie!

  6. Alessandro Finucci said, on 14 gennaio 2011 at 12:59 pm

    Ieri ho acquistato il libro di Chris Donner dal mio abituale fornitore di libri per ragazzi. Sono bibliotecario in una biblioteca di pubblica lettura e ho una grande passione per i libri per bambini e ragazzi, in primis per gli albi illustrati. Ad essere sincero,
    ho acquistato il libro senza conoscere la storia e senza, ahimè, conoscere l’autore e molto velocemente tra utenti, richieste, prestiti e mille cose da fare. A volte, in un libro, c’è qualcosa che ti colpisce e non sai dire nemmeno tu che cosa precisamente. Nella trama riassunta in poche righe sulla quarta di copertina mi avevano colpito le parole “dramma familiare. […] quello che in famiglia, e solo dai grandi, è stato vissuto come un dramma”. Oggi, nel catalogare il libro, sono entrato nel sito della casa editrice Einaudi Ragazzi per leggermi la scheda. Il tema, più o meno celato nella quarta di copertina del libro, viene indicato chiramente nelle righe della recensione. Mi fa piacere che si sia pensato di ripubblicarlo e che anche nella narrativa per ragazzi si affronti, con naturalezza, l’amore tra due ragazzi. Come afferma Nicoletta Lazzarini nella sua recensione on line ciò che conta è “sapersi innamorare, e nient’altro.” (url per la recensione: http://www.educazione.unipd.it/gribs/images/PDF/lettere_dal_mare.pdf). E per riprendere le parole della copertina, spesso, troppo spesso, un amore come quello tra due persone dello stesso sesso “in famiglia, e solo dai grandi, è vissuto come un dramma”. Lo leggerò con grande piacere, oggi stesso. Alessandro
    Per apprezzare anche le illustrazioni di Yan Nascimbene ne sfoglierò una copia in una biblioteca che possiede la prima edizione. Sicuramente.

  7. federico novaro said, on 14 gennaio 2011 at 1:23 pm

    Gentile Alessandro, essere seguito da una persona che fa il bibliotecario mi riempie di gioia e lo metto nel barattolo “cose che danno un senso e anche respoinsabilità al mio lavoro” 🙂
    grazie del lungo commento, e anche del link alla recensione di Lazzarini (pure se non mi è piaciuta per niente devo dire).
    Sono curioso di sapere se il libro ti piacerà, e soprattutto se sarai daccordo con me nel confornto con l’edizione originaria.
    Credo sia un libro molto amato, e resta fra i post più cliccati del mio blog, con costanza. Mi sono riletto il post e le mie critiche all’edizione 2010 restano.
    A presto
    ciao grazie
    f


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: