federico novaro libri

Arthur Rimbaud / Illuminations / Quemadura

Posted in Uncategorized by federico novaro on 13 agosto 2011

Cartoline da nyc. 4

(C’era molto Rimbaud a ny, sono uscite recentemente delle nuove versioni, fra le quali quella che ho mandato in foto a FN, e una sera in metropolitana un ragazzo leggeva Rimbaud con le cuffie nelle orecchie, in piedi compitandolo. Il ragazzo era bello, ma soprattutto, come accade, era contornato da spazio vuoto, e le labbra che si muovevano piano e con impegno davano una specie di concentrazione al brusio intorno. Bello)


Cover Parade. 2

Arthur Rimbaud, Illuminations; jacket design: Quemadura

Arthur Rimbaud. Illuminatios (tr. John Ashbery). Jacket Design by Quemadura. Copertina (part.)

Come si legge nel Flickr della W. W. Norton & Company, che riporta tutte le loro copertine, il volume presenta le versioni di John Ashbery accanto ai testi originali. La scelta di indicare in copertina i soli cognomi degli autori in basso e in alto, con al centro il titolo, anche lui di una sola parola, evoca bene il corpo a corpo col testo e con l’autore che spesso viene evocato quando si parla di traduzione. È significativo -con la poesia capita più spesso che con la prosa- che nome di chi ha scritto il testo originale e nome di chi ha tradotto abbiano lo stesso spazio e importanza, come dovrebbe essere, di regola, sempre.

Gli appunti allegati alla fotografia dicono due cose: che l’indicazione della responsabilità grafica compare sul dorso del volume. Cosa rara, ma dalla fotografia non si evince la certezza che sia così.
Sul sito di Quemadura vengono riprodotte solo le copertine, quindi di più non si riesce a sapere; e che all’interno il volume continuava ad essere disegnato nelle prima pagine, un po’ come in Italia recentemente si è potuto vedere per la serie Quindici di minimum fax. Ma anche di questo in rete non si riesce a trovare testimonianza.

Virginia Woolf, Diario di una scrittrice, Minimum Fax 2009, Riccardo Falcinelli, progetto grafico, frontespizio (pert.) 1

Il sito di Quemadura, avaro di informazioni, è un po’ noioso, e i loro lavori, anche se a un livello alto, è molto vario, sin confuso; è difficile trovare una linea comune, ma è interessante perché sembra un po’ segnare uno standard. Insomma: niente guizzi, salvo due-tre esempi molto belli, ma un bel panorama del gusto attuale.

Arthur Rimbaud. Illuminatios (tr. John Ashbery). Jacket Design by Quemadura. Dorso (part.)

Advertisements

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Pasolina Chango said, on 14 agosto 2011 at 10:01 pm

    Suggerimento: non è Rimbaud sulla copertina.

  2. federico novaro said, on 15 agosto 2011 at 12:17 pm

    accidenti! hai ragione! Oh, come sempre la vista abdica di fronte alle convinzioni della mente. Non so quante volte mentre montavo il post o lavoravo la foto avevo un minuscolo frammento di cervello che mi diceva: -mah, non ti sembra strano?-, ma non l’ho mai ascoltato. Il libro è di Rimbaud, la foto è di Rimbaud, non c’è dubbio alcuno! 🙂 Naturalmente pensavo al ritratto famoso. Così famoso da sovarppormisi in testa a quello che stavo vedendo. Grazie della rivelazione. Ti prego però completala: chi è? Quello sciocco di Federico Novaro mi ha mandato le foto senza uno straccio di documentazione, nè una foto del colophon, e in rete non riesco a trovare nulla 😦 Dimmi, dimmi, dimmi
    Un saluto e intanto grazie

  3. Anna Laura Morello said, on 17 agosto 2011 at 12:29 pm

    Troppo spesso Rimbaud è stato considerato un poeta di secondo piano nella lande anglo-sassoni. Il corpo a corpo descritto nell’articolo ben si confà a questa quasi-impossibilità della poesia francese di assumere i contorni di quella inglese. Farle coincidere rientra nella sfera “dell’Impossibile”. Ho letto delle versioni orrende qua e là. Nessuna ha mai penetrato il carattere della poesia o della prosa di Rimbaud. Se questo tizio è riuscito a tradire senza tradire il Battello Ebbro per es., e a restituirci l’energia, la precisione immaginale della lingua senza dire languide cazzate o cercando di irrigidire le descrizioni, meravigliose ed impossibili, assieme allo scandirsi di un tempo tutto interiore, se è riuscito nella sua lingua pur vasta ma più puntigliosa, più circoscritta nella scelta degli aggettivi di quella francese che invece è rotonda, slabbrata alla cui puntigliosità e precisione sostituisce una profonda intelligenza, a volte quasi insondabile, un vocabolario che si presta all’immaginale (vedi Bretòn) ed un’ asciuttezza, una brutalità perfino, che l’Italiano con conosce, allora questo signore è un genio.

  4. federico novaro said, on 17 agosto 2011 at 12:58 pm

    Ma non è sempre, parlo da profano, tradire, il tradurre?
    Non so l’inlgese e poco il francese; di poesia, poi, non so in nessuna lingua, quindi non dico una sola parola in merito 🙂
    Qui si parlava di copertine, ma spero che tosto o tardi qualcuno/a ci racconti di questa nuova versione.
    A presto, e grazie ^_^

  5. Anna Laura Morello said, on 20 agosto 2011 at 2:53 pm

    In realtà si tratta di tradire non tradendo, ossia scegliere parole od aggettivi apparentementi non consoni, lontani alla lingua italiana e al testo che riescano però a restituire il significato originario. Il tradimento a metà, ossia solo il tradire, appiccicando un altro sostantivo e aggettivo perchè non c’è di meglio, è cattiva traduzione

    spero a presto, perchè stamattina ho scritto un’avvelenata di quelle (voi non c’entrate assolutamente, è sull’italia in generale e l’asfissia che mi provoca, ma qualche mala parola m’è sfuggita e temo di avere anche farneticato un pochino).


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: