federico novaro libri

Françoise Sagan / ALL’IMPAZZATA. Astoria 2011 (recensione di Camilla Valletti)

Posted in camilla valletti, recensioni by federico novaro on 18 ottobre 2011

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. Dorso  (part.), 1

All’impazzata
di Françoise Sagan

a cura di Yasmina Melaouah
progetto grafico di zevilhéritier

180 p. ; 15€
Astoria, Milano 2011

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. Frontespizio (part.), 1

Rileggere il nome di Françoise Sagan, non fosse altro per la stagione che evoca, è un grande piacere.
Astoria, una casa editrice di recente fondazione a Milano, riporta nelle librerie un suo romanzo, tra i meno noti, dal titolo La chamade, per le cure di un ottima traduttrice come Yasmina Melaouah.

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. p. 5 (part.), 1

Amata, imitata, quasi idolatrata, Sagan è morta nel 2004 ridotta come l’ombra di stessa, distrutta dall’alcol e dalla droga.

Non era più nulla ormai: viveva in un tempo che non avrebbe saputo accogliere il suo tipo particolare di eccessi, era già postuma prima ancora di morire nonostante la vicinanza delle autorità e della cerchia di intellettuali che cercarono di aiutarla invano.

Non era bella Francoise Sagan, anzi non possedeva alcuna particolare attrattiva, neppure come conversatrice valeva un granché. Eppure il suo modo di vestire, la passione per la velocità, i luoghi della Costa Azzurra immortalati nei suoi romanzi, erano il massimo della moda, della modernità nei tardi anni Cinquanta.

Fu celebre quando aveva solo 19 anni e alcuni hanno pensato che fu proprio il successo precoce a segnare la sua sconfitta esistenziale. Due matrimoni e due lunghi amori con due donne, la consegnarono inoltre al novero degli scrittori dalla vita turbinosa nonché promiscua. L’editoria francese comunque guadagnò moltissimo grazie alla sua prolificità e anche in Italia i suoi libri andarono benissimo.

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. Copertina (part.), 2

Oggi, si diceva, non è più il tempo per profili come il suo, eppure questa nuova traduzione aiuta il lettore a ritrovare la grazia della sua scrittura votata ad una misura particolare.

La solita doppia coppia, posta in asimmetrico desiderio, matura felicità e poi stanchezze nel corso di un solo anno. Incontri, passeggiate, concerti e villeggiature porteranno i quattro componenti a incontrarsi e poi a lasciarsi. I due più giovani si rivedranno solo due anni più tardi quando ogni curiosità reciproca si è spenta per sempre. Incapaci ormai di ridere, prede di quell’ennui che travolse pure la loro creatrice, Antoine e Lucile non sanno più ricordare il tempo in cui tra loro era la risata improvvisa degli scolari. Entrambi desiderati, spogliati, amati da persone compite, sapevano che in un modo o nell’altro sarebbero stati puniti, e si abbandonavano a quella ridarella in un angolo del salotto”.

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. p.  (part.), 1 Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. p.  (part.), 1 Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. p.  (part.), 1

La chamade era stato tradotto da Adriana dall’Orto per Bompiani, nel 1965 (ristampato poi nel 1975), edizione poi ripresa dal Club degli Editori l’anno dopo e da Mondadori, nel 1973 e nel 1983, sempre con il titolo La disfatta.

Nel 1968 (il libro era uscito in Francia nel 1965) Alain Cavalier ne trasse un film omonimo, con Catherine Deneuve e Michel Piccoli.

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. Copertina (part.), 1

Riassunto bibliografico:
queer / letteratura francese / prime edizioni italiane
All’impazzata / Françoise Sagan
1. ed. – Milano : Astoria. – 13,5 x 19 cm. ; 180 pp.
Melaouah, Yasmina (a cura di); zevilhéritier (progetto grafico di)
brossura, con risvolti
©Astoria edizioni, Milano
tit. orig.: La chamade

Françoise Sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. Risvolto della q. di cop. (part.), 1

Françoise sagan, All'impazzata, Astoria 2011; progetto grafico di zevilhéritier. Risvolto di copertina (part.), 1

Altre foto del volume sul flickr

Altre recensioni di Camilla Valletti su FN

Advertisements

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. mariolina bertini said, on 22 ottobre 2011 at 9:28 pm

    Credo che il profumo “Chamade” fosse stato lanciato subito dopo il romanzo e gli dovesse una parte del suo successo …. Comunque è divertente vedere come Sagan adotti i codici del romanzo rosa (cancellare ogni riferimento all’attualità, in questo caso ad esempio alla guerra di Algeria che proprio allora stava finendo ; presentare l’eroina come sempre seducente e desiderabile, senza che faccia nulla per esserlo) e al tempo stesso li infranga, rinunciando con un certo sadismo al lieto fine e al trionfo dell’amore.

  2. Mariolina Bertini said, on 22 ottobre 2011 at 9:38 pm

    Ah, d’altronde neanche Liala rispettava sempre il lieto fine: “Un abisso chiamato amore” finisce proprio come La Chamade. La protagonista bella e senza un centesimo resta con lo straricco che la mantiene (è vero che il giovane attore con il quale si era messa si suicida). Anche “Non dimenticare Lietocolle”, che dev’essere degli stessi anni, ha un intreccio molto simile : la protagonista lì lascia ill giovane medico stracciaculo del quale è incinta per seguire in America un repellente miliardario. Però non abortisce e nel finale torna a far vedere al medico la sua bella bambina.

  3. camilla valletti said, on 23 ottobre 2011 at 12:28 pm

    così si trovano parentele insospettabili!

  4. isabella said, on 16 gennaio 2013 at 6:08 pm

    uno dei libri più struggenti ed impietosi della Sagan che scandagliano l’animo nel suo più intimo essere.L’ho letto a sedicianni,ma ogni volta che lo leggo mi ci ritrovo sempre!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: